Mais Corvino: La scienza ci dice che...

A cura di: 

Dr. Nicola de Bortoli
Medico Chirurgo, Specialista in Gastroenterologia
Membro del Centro Interdipartimentale di Nutraceutica – Nutrafood
Università di Pisa

I Maya conoscevano bene le proprietà del Mais Corvino

La letteratura scientifica

Un recente lavoro di meta-analisi (che rappresenta uno studio conclusivo importante che analizza gli effetti di alcune sostanze/farmaci per la salute umana o la cura di malattie) ha dimostrato che le antocianine sarebbero in grado, se assunte con una certa costanza, in associazione ad altre accortezze nell’alimentazione, di ridurre i valori di pressione arteriosa.

Questo studio pubblicato sulla rivista Medicine, di Aprile 2016, ha dimostrato un effetto cardioprotettivo, anti-ipertensivo di tutti gli alimenti che contengono questa sostanza. L’effetto definito con un linguaggio più comune “cardioprotettivo” sarebbe da imputarsi ad un minor rischio di formazione di trombosi associato all’inibizione dell’aggregazione piastrinica (similmente a quello che si ottiene con l’acido acetilsalicilico a basse dosi). Le antocianine sarebbero in grado di favorire questo meccanismo quando assunte con l’alimentazione. Tale studio è stato recentemente pubblicato su una rivista scientifica internazionale (Thrombosis and Haemostasis nel Novembre 2014) da parte di ricercatori cinesi.

L’elevata concentrazione di antocianine sembra essere associata ad un altrettanto elevata concentrazione di flavonoidi. I flavonoidi (o bioflavonoidi) sono composti chimici naturali, diffusi nelle piante superiori (fra queste il mais nero) e particolarmente conosciuti ed apprezzati per le loro proprietà salutistiche. Sono riconosciuti infatti avere un’azione sinergica alle antocianine e di conseguenza spicca per proprietà antiossidanti. Sembrano essere utili per garantire l'ottimale funzionamento di fegato, sistema immunitario e capillari; contribuiscono inoltre alla prevenzione di numerose patologie, come quelle cardiovascolari, infiammatorie e persino alcune forme tumorali (solo come potenziale effetto preventivo). L'ampia varietà di azioni biologiche ascritte ai flavonoidi dipende in gran parte dalla loro capacità di bloccare il danno provocato dai radicali liberi, che si correla in maniera importante con molte patologie croniche degenerative.

I radicali liberi sono prodotti che si sviluppano in seguito ad esposizioni a quantità maggiori di sostanze potenzialmente aggressive (con effetto dose dipendente) come quantità elevate di alcol o abitudine al fumo di tabacco. I radicali liberi si sviluppano però anche durante la presenza di infiammazione (rappresentano anche un meccanismo di difesa dell’organismo quando è limitato nel tempo) e pertanto sono maggiormente elevati nei soggetti affetti da malattie cronico degenerative.

Proprietà alimentari

In questo piccolo capitolo è importante ricordare una cosa sul mais in generale. In America centrale ed in molte località dove il livello socio-economico-culturale è più basso sia la WHO (organizzazione mondiale della sanità) che la FAO (Organizzazione Mondiale di Agricoltura ed Alimentazione) ha sempre portato avanti delle campagne per arricchire la dieta a base di mais giallo di queste popolazioni. Infatti il mais giallo, come sopra indicato, possiede una concentrazione molto bassa di proteine e sembra essere carente in due amminoacidi ritenuti “essenziali” ovvero la lisina ed il triptofano. Recenti ricerche hanno dimostrato che questi amminoacidi sono invece normalmente presenti nel mais corvino dove sono anche rappresentati in concentrazioni adeguate. Un recente articolo presentato proprio da autori peruviani e pubblicato sulla rivista Plant and Foods Human Nutrition ha suggerito che se le popolazioni povere si fossero sempre nutrite di mais corvino e di altri prodotti tipici di quelle aree, probabilmente avrebbero prevenuto l’insorgfenza di alcune malattie associate alla malnutrizione.

Curiosità

Recentemente al famosissimo EXPO internazionale dell’alimentazione tenutosi a Milano è stata presentata una bevanda energetica a base di mais corvino. Tale bevanda sembra risalire come ricetta originale agli antichi Maya e sembra essere in grado di avere proprietà energizzanti, sembra ricca di Sali e proteine oltre che di alcune vitamine del gruppo B. 

Lunedì, 10 Ottobre, 2016